« Le vite degli altri | Principale | Pensieri Notturni »

07 maggio 2007

Commenti

Azz già non avevo nessunissima intenzione di andarlo a vedere. Dopo cotali parole di fuoco lo archivio del tutto senza se e senza ma. Thanks ava :p

Un polpettone inutile come la maggior parte dei biopic, con l'aggravante, come tu giustamente osservi, che qui prevale il compiacimento della sequela di disgrazie ( qualcuna sottolineata troppo grandguignolescamente)sullo studio della personalità dell'artista. E poi davvero sembra che abbia amato solo Cerdain mentre sappiamo che non è vero ( e su Edith e Marcel c'era gia stato un film di Lelouche, discreto)Si aggiunga che pur apprezzando enormemente la Piaf non è mai stata un mio mito ( al contrario per esempio della Greco) e allora mi domando e dico: che ci sono andato a fare al cinema? BOh. Comunque una bella scena c'è: quella del mattino della tragedia con gli amici che non sanno come dire cio' che è successo. E poi c'è la curiosità di vedere Clotilde Coureau in Savoia.Ma non basta per il prezzo del biglietto

di niente noodles , come vedi e' arrivato anche alp a dare manforte nella distruzione de film! ;-)

alp, sono molto lieta che condividi il mio parere perche' stavolta mi sentivo un po' controcorrente nel parlarne male..
Concordo anche sulla bellezza della scena citata, ha un tono surreale che manca in tutto il film, forse poteva essere una buona via per condensare una vita cosi' intensa..
La "nostra"(???) Clotilde Coureau faceva la mamma degenere di Edith e aveva 3/4 scene, davvero poco per esprimere un parere..

non ho visto il film per cui le mie osservazioni sono generiche su quello che ho letto.

ecco io credo che i biopic, necessariamente finiscono per essere: o una agiografia dell'artista fatta da chi lo ama in modo viscerale, e allora ci si concentra sull'arte, sulla creatività, tralasciando gli aspetti umani.
Oppure si punti sulla vita, sottolineandone i momenti tragici, visto che quelli lieti non interessano a nessuno e non fanno "dramma".
Trovare la verità in un film biografico è una impresa da non tentare nemmeno.
L'artista, per un regista interessato a lui, è un paradigma, un modo per parlare di altro.
Vi potrei citare i film su Cole Porter, di cui si tace l'omosessualità, e mille altre biografie che poco avevano a che fare con la vita vera.
Perchè, diciamolo, la vita vera non fa buon cinema.
A nessuno interessa vedere due che vivono nell'inquinamento chimico. Se li vedono già sotto casa" (Sidney Pollack, agente di Dustin Hoffman, in Tootsie).

Di solito cerco sempre di andare a vedere i biopic perche' mi interessa conoscere la vita di personaggi famosi senza fare molta fatica.
Mi sono pero' reso conto che così facendo mi viene solo proposta l' iterpretazione del regista per quella data persona e quindi e' come non avere visto nulla.
Nel caso di Edit mi sono reso conto, dopo aver visto documenti filmati originali dell' epoca che, tanto per cominciare, non arrivava tutta gobba e zoppicante sul palco come si vede nel film !!!
Questo puo' bastare per ora.

Ciao :-)

in effetti sto cercando di ricordarmi un film di genere biografico di una qualche qualità. forse, per restare in ambiente musical-francese, "round midnight" di tavernier.

O.T.
poichè, siccome che, si da il caso che, ho udito voci (sento le voci...!) che ti davano per preoccupatissima dell'assenza passimiana... volevo tranquillizzarti e chiederti di smettere di recitare il De profundis
:-)

BIrd dI Eastwood, su Charlie Parker, era eccellente.Una delle poche eccezioni alla banalità corrente del biopic

non credo che nessuno, neppure roy che fa outing, pensi che sia possibile sintetizzare una vita in due ore o poco piu', pero' questo film veramente riduce il personaggio della Piaf a una cantante sfigata, piu' brutta, sfatta e grezza dell'originale: odiosa l'agiografia ma questa operazione che va nella direzione opposta mi sembra solo furbamente studiata a tavolino.

Abt e alp, i film da voi citati sono di due autori, non credo che il discorso possa valere per Dahan, con tutta la buona volonta'! ;-)

Io non sapevo quasi nulla della Piaf prima del film e l'ho visto con quell'intento didascalico che tu sottolinei, e l'ho visto a tre riprese perchè tutte le disgrazie in una volta sola non si sopportano. E mi sono davvero annoiato.
Per quanto riguarda Montand et Cocteau, ho letto un'intervista in cui il regista difendeva la scelta di aver volutamente lasciato fuori i personaggi famosi per non fare del film una galleria di imitazioni, concentrandosi invece sui personaggi meno noti ma ugualmente importanti per Piaf.

jiro, io ero convinta di saperne poco della piaf, ma alla fine mi pareva di saperne piu' del film.. ;-)
mi va bene non far la galleria di personaggi, ma costruire i dialoghi in modo che si intuisse qualcosa in piu', no?

Verifica il tuo commento

Anteprima del tuo commento

Questa è solo un'anteprima. Il tuo commento non è stato ancora pubblicato.

In elaborazione...
Il tuo commento non può essere pubblicato. Errore di scrittura:
Il tuo commento è stato pubblicato. Pubblica un altro commento

I numeri e le lettere che hai inserito non corrispondono a quelle dell'immagine. Prova di nuovo.

Come ultima cosa, prima di pubblicare il tuo commento, inserisci le lettere ed i numeri che vedi nell'immagine qui sotto. Questo impedisce che programmi automatici possano pubblicare dei commenti.

Fai fatica a leggere quest'immagine? Visualizzane un'altra.

In elaborazione...

Scrivi un commento

Le tue informazioni

(Il nome e l'indirizzo email sono richiesti. L'indirizzo email non verrá visualizzato con il commento.)

agosto 2022

lun mar mer gio ven sab dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

social

intrallazzi


PrivacyPolicy


  • Privacy Policy
Blog powered by Typepad
Iscritto da 06/2005

feed


supporto a


counter